ALLEVAMENTO TARTARUGHE ACQUATICHE:

Per Allevare tartarughe acquatiche devi prima sapere che non esiste una regola comune a tutte le specie, poichè ogni tartaruga d  acqua ha esigenze diverse, questo dervia dalla differente provenienza.

Le Tartarughe d'acqua più comuni:

Trachemys Scripta Elegants (Specie illegale da detenere senza documentazione, data l’adattabilità di questi animali ai nostri ecosistemi il ministero dell’ambiente l’ha inserita nella categoria Animali Invasivi con alto impatto ambientale)

Sthernoterus Odoratus/ Carnarius (Specie che predilige acque più profonde, raramente fa basking sulla zona emersa, se allevata all’aperto in laghetti capienti è molto rara da vedere, è l’unica tartaruga d’acqua piccola, dalle effettive dimensioni ridotte)

Graptemys pseudogeographica ( intorno agli anni del 2010 era molto raro trovare questa specie in vendita nei negozi di animali, eppure da quando è stata vietata la vendita delle trachemys sembra esserene diventata la sostituta, ma ATTENZIONE le graptemys solitamente sono tartarughe acquatiche più delicate rispetto alle Trachemys, dunque non possono essere allevate senza le dovute accortezze)

Ocadia Sinensis ( Specie originaria dell’ Asia sembra aver sostituito insieme alle Graptemys la vendita ormai vietata delle Trachemys o Tartaruga d acqua dolce comune, specie abbastanza resistente  ma da allevare solo con le dovute accortezze)

Apalone Spinifera (Tartaruga acquatica che andava ” di moda”  agli inizi del 2000 ormai rara  da trovare in un negozio di Animali, è anche chiamata Tartaruga dal Giuscio Molle che può raggiungere notevoli dimensioni da adulta e non và sottovalutata in quanto ha un collo ripiegato lungo il guscio di una lunghezza di 20 cm con un becco affilato in grado di ferire proprietari inesperti o bambini)

QUESTE SONO LE PRINCIPALI SPECIE DI TARTARUGHE ACQUATICHE CHE POTETE TROVARE IN UN NEGOZIO DI ANIMALI

LE DIMENSIONI DELLA VASCA:  

Quasi tutte le tartarughe acquatiche raggiungeranno una dimensione notevole da adulte, seppure quando noi le compriamo misurino 6/7 cm possono diventare sui 25/30 cm, questo fattore dovrebbe influenzarci nella scelta di una vasca grande FIN DA SUBITO, per evitare di dover cambiare 3 vasche nel corso della crescita del nostro esemplare.

Vasca Per Tartarughe

1- Vasca Ikea Slama

Soluzione Creativa ed Economica, infatti con una minima spesa si può dare il giusto spazio alle proprie tartarughe acquatiche, rinunciando però all’estetica.

 

Svantaggi: le scatole dell’ikea non hanno predisposizioni a filtri o lampade quindi in alcuni casi può risultare difficile l’assemblaggio della vasca finita.

2-Acquario o Tartarughiera

E’ di sicuro la soluzione migliore (indoor) , a patto naturalmente di comprarlo di misure abbondanti, gli acquari per ospitare le tartarucghe acquatiche devono avere il coperchio aperto o comunque un adeguata ventilazione e pompa per il ricircolo dell’acqua.

3- Lacghetto

Il Laghetto è la soluzione perfetta per chi vuole allevare tartarughe acquatiche all’aperto, infatti oltre a risparmiare sull energia elettrica (lampade e riscaldatori) le tartrughe si adattano molto bene ai nostri climi e sarà dunque possibile costruire un laghetto molto bello dal punto di vista estetico e funzionale per le nostre Tarte.

TERRACQUARIO PER TARTARUGHE:

Ora che sapete le tipologie di stabulazione possibili per le vostre tartarughe acquatiche andiamo a vedere che cosa ha bisogno una vasca per ospitare al meglio questi fantastici rettili.

Per Allevare una tartaruga acquatica, in vasche al chiuso (dunque non laghetti) avrete bisogno di:

1-Riscaldatore nei mesi invernali

2-lampada Spot

3-Lampada Uvb  (nel caso di lampade Solar Raptor, con una sola lampada avrete sia la Spot sia la  Uvb questo riduce di molto i consumi elettrici soprattutto nei mesi invernali )

4- Indispensabile un filtro, io consiglio sempre filtri esterni sovraddimensionati, sono migliori rispetto a quelli interni poichè le tartarughe sporcano molto e in questo modo lo sporco si accumula in un altro luogo rispetto alla vasca principale e non in un serbatoio immerso nella stessa acqua ( come nel caso dei filtri interni).

5-arredi: sono essenziali per avere una vasca oltre che funzionale anche bella da vedere, gli arredi migliori sono quelli naturali:

-corteccia di sughero , per la zona emersa

-sabbia o ghiaia per il fondo

-eventuali rami  per dare un effetto più Wild alla propria vasca ( consiglio sempre di sciaquargli bene o bollirli prima di inserirli in vasca)

 

Piante vere compatibili con le tartarughe acquatiche:

Se la vasca lo permette, perchè magari si sta progettando un Terracquario come piante vere adatte alle tartarughe acquatiche io consiglio il Photos: pianta che cresce molto rapidamente grazie al suo abbondante assorbimento di Azoto (N).

 MA ATTENZIONE: le tartarughe soprattutto le più comuni, tendono a distruggere ogni tipo di pianta, quindi il photos andrà inserito solo se ad un’altezza tale da non permettere alla tartaruga di raggiungerlo.

 

-lemna minor minor è una piantina galleggiante a riproduzione veloce, si limita alla proliferazione sulla superficie ma da quel tocco ” WILD” che molti terraristi/acquariofili cercano.

CONSIGLI PER L’ALLESTIMENTO DELLA VASCA:

Allestimento della vasca: va evitato ogni allestimento che non sia solido e saldamente appoggiato al fondo, o al vetro, poichè le tartarughe nuotando potrebbero urtare con il guscio pietre e rami e distruggere così ogni struttura da voi creata.

L’altezza  dell’acqua per una tartaruga è pari a due volte e mezzo la sua lunghezza.

Sì avete capito bene, anche le baby tartarughe adorano nuotare, dunque aboliamo totalmente le vaschette gialle con palma  che non danno alle tartarughine le giuste condizioni per vivere.

LA SCELTA DELLA VASCA:

Se siete arrivati a questo punto presumo che non vi limiterete all’acquisto di una semplice ed economica vasca slama dell ikea, no! Voi Volete di più, voi volete una bella vasca che faccia scena, iniziamo dunque con la scelta della vasca giusta.

LA  VASCA GIUSTA:

La vasca giusta va ovviamente scelta in base alla specie di tartaruga che deciderete di allevare, infatti, ogni specie ha le sue esigenze:

-Trachemys: prediligono acquari, o vasche aperte con ampio spazio per il nuoto e pochi appigli, essenziale zona emersa.

-Grapthemys:  stesse della precedente

-Apalone Spinifera: questa tartaruga predilige vasche grandi, data la notevole dimensione che raggiunge da adulta, lo spazio per il nuoto non và trascurato e la zona emersa non è essenziale poichè queste tartarughe escono dall’acqiua solo per deporre le uova.

-Sthernotherus Odoratus/carnarius: queste tartarughe prediligono acquari ben sviluppati, adorano nuotare e raramente usano la zona emersa, per loro tane rifugi e appigli sono essenziali.

 

La Temperatura: alcune specie si adattano molto bene alle nostre temperature esterne, perciò sarà possibile allevarle all’aperto tutto l’anno, per altre invece sarà essenziale stare al chiuso, questo deriva dal fatto che le tartarughe che compriamo nei negozi non sono originarie dei nostri ecosistemi italiani, ma di ecosistemi nord-centro americani, asiatici e persino indonesiani.

Per mantenere la giusta temperatura E’ ESSENZIALE SOPRATTUTTO IN INVERNO l’acquisto di un riscaldatore, sopratutto se gli esemplari sono baby.

TABELLA TEMPERATURA TARTARUGHE ACQUATICHE:

-Trachemys: 23-27°C

-Graptemys: 23-25°C

-Sternotherus: 23-27°C

 

CONSIGLI UTILI PER ALLEVARE  TARTARUGHE ACQUATICHE: 

-Mai allevare nella stessa vasca specie diverse

-Mai allevare nella stessa vasca esemplari di taglie diverse

-In caso di possesso di coppie di Trachemys Scripta ricordarsi che è obbligo di legge tenerle separate

-Comprare una vasca grande all’inizio fà risparmiare per le spese future

 

 

 

 

TartaGuida

efivizzoli@gmail.com

3458821726

  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram